alla Prima paginaSapienza Università di Roma - Dipartimento delle Scienze dei Segni, degli Spazi e delle Culture
Sezioni di Antropologia, Linguistica e Filologia, Musicologia
a.a. 2008/2009
A partire dal 1 settembre 2009 questo sito non viene più aggiornato. Il nuovo sito del Dipartimento si trova all'indirizzo http://w3.uniroma1.it/agemus/

 

Le sezioni di Antropologia, Linguistica e Filologia, Musicologia

Dal 19 ottobre 2007 è stato attivato il Dipartimento delle scienze dei segni, degli spazi e delle culture (AGEMUS) fondendo i dipartimenti di Geografia umana e di Studi glottoantropologici e discipline musicali. Il nuovo Dipartimento si articola in quattro Sezioni: Geografia umana, Antropologia, Linguistica e Filologia, Musicologia. Le ultime tre costituivano i gruppi disciplinari del Dipartimento di Studi Glottoantropologici e Discipline musicali, fondato nel 1983 (ratifica rettorale del 18 ottobre 1984) come Dipartimento di Studi glottoantropologici e che con l'afferenza delle discipline storico-musicali, avvenuta nel luglio 1995, assunse la sua fisionomia definitiva. Notizie sul Dipartimento di Studi glottoantropologici e Discipline musicali per gli a.a. dal 2001/2002 al 2006/2007 si trovano a partire dalla pagina Archivio: anni accademici precedenti di questo sito.

Nella sezione di Linguistica e Filologia gli indirizzi di studio sono prevalentemente orientati su vari aspetti della linguistica e della filosofia. I settori di interesse privilegiati sono la Linguistica glottologica (storica e comparativo-ricostruttiva), la Linguistica generale e la Fonetica generale, la Linguistica culturale, la Sociolinguistica, l'Etnolinguistica, la Dialettologia, la Storia della linguistica e vari aspetti teoretici del linguaggio.
Nel campo della Linguistica glottologica e della Filologia ci si è occupati prevalentemente del mondo classico e italico, del mondo romanzo, del mondo germanico e del mondo balcanico, nonché del Vicino e del Medio Oriente (armeno, iranico, indiano) e, da ultimo, di lingue dei continenti extraeuropei.
Una parte della produzione scientifica di questo settore glottologico e filologico è stata pubblicata nella collana "Biblioteca di Ricerche Linguistiche e Filologiche".
Sul versante della cultura dei popoli di lingua germanica, un posto a sé è occupato dalla Filologia germanica.
Una parte della produzione scientifica di tale ultimo settore è stata pubblicata nella collana "Testi e Studi di Filologia".

Nella sezione di Antropologia gli indirizzi di studio concernano prevalentemente l'Etnologia, l'Antropologia Culturale, la Storia delle Tradizioni popolari e l'Etnomusicologia, e si articolano intorno alle seguenti tematiche: identità etnica; sfera psicologica del sociale (a livello sia generale sia etnologico); antropologia del potere, struttura e organizzazioni sociali; aspetti del popolamento, dell'ambiente e delle dinamiche socioculturali; ruolo del lavoro e delle tecnologie; antropologia religiosa; ideologie sul corpo, la salute e la malattia; tradizioni sui valori terapeutici e simboli nella medicina popolare e altri saperi naturalistici.
Per quanto riguarda il settore etnomusicologico: storia della musica popolare (con particolare riguardo al folklore musicale italiano); storia degli strumenti e degli stili musicali.
Parte dell'attività scientifica relativa al settore demoetnoantropologico è pubblicata nei "Quaderni del Dipartimento di Studi Glottoantropologici" e sulla rivista l'Uomo.

Nella sezione di Musicologia gli interessi di ricerca sono accentrati nella cultura musicale europea, con particolare riferimento alla tradizione musicale italiana; speciale attenzione, sebbene non esclusiva viene rivolta ai problemi del teatro in musica e della drammaturgia musicale. Caratteristica di queste ricerche è la collocazione dell'evento musicale in un contesto non solo letterario, linguistico e culturale, ma anche sociale, economico ed antropologico.
Uno dei risultati di questa impostazione è la imponente raccolta di riproduzioni in microfilms di fonti della musica italiana, effettuata con finanziamento pluridecennale del CNR, in dotazione presso il Dipartimento. Parte dei risultati conseguiti nelle ricerche del gruppo è confluita nei volumi della collana "Musicalia".

Ciascuno di questi tre settori disciplinari è radicato nella storia dell'Università 'La Sapienza' con una propria tradizione di ricerca e di attività didattica. Il Convegno "Le grandi scuole della Facoltà", organizzato nel maggio del 1994 dalla Facoltà di Lettere e Filosofia (dalla quale sono nate, nell'anno accademico 2001/2002, le nuove Facoltà di Lettere e Filosofia, Scienze Umanistiche, Filosofia, Studi orientali), ha proposto materiali importanti per la ricostruzione di queste vicende. Gli interventi di Alberto Mario Cirese «Le scuole demo-etno-antropologiche», di Tullio De Mauro «La scuola linguistica romana» e di Pieruigi Petrobelli «La musica» si occuparono della storia di aree disciplinari che anche il nostro Dipartimento ha contribuito a incrementare.

A documentazione, parziale ma significativa, dell'opera che i nostri docenti hanno esplicato ciascuno nel proprio campo di studio, offriamo nella sezione "Archivio" del sito le bibliografie dei lavori di Walter Belardi, Giorgio Raimondo Cardona, Diego Carpitella, Alberto Mario Cirese, Italo Signorini.
Cardona, Carpitella e Signorini sono prematuramente scomparsi, nel pieno della loro attività. Walter Belardi e Alberto Mario Cirese, concluso l'insegnamento, sono Professori Emeriti del nostro Ateneo.

 

Pagina composta il giorno 28-10-2008
Data dell'ultima modifica: 28-10-2008
Prima pagina